IWA Italy - International Web Association Italia

Opendataday 2013 - Venezia

23 febbraio 2013

A cura di Luca Corsato. Io e Roberto abbiamo partecipato all’OpenDataDay a Venezia. “Bravi!” direte voi, eroici Webmaster che lottate contro i luoghi comuni della Professione Web… ma per “quanto vi riteniate assolti, sarete lo stesso coinvolti!” come dice il Poeta. Ebbene sì: con Roberto dovevamo presentare la professione web Knowledge Manager ma il programma è slittato perché ha avuto il sopravvento il “clamoroso” ingaggio avvenuto tra Comune di Venezia e comunità di OpenStreetMap. Il tutto nasceva dal rilascio avvenuto il giorno prima dell’intera cartografia di base del Comune di Venezia! Su questo evento – che ho avuto il piacere di seguire personalmente, da quando con l’amico Stefano un anno e mezzo fa decidemmo di agire verso la “liberazione” dei dati – ci sarebbe da scrivere un libro, ma ve lo risparmio: quello che voglio sottolineare è una serie di considerazioni che facevamo con Roberto. La prima considerazione è l’incredibile energia scaturita dall’incontro paritario tra Amministrazione e Comunità e lo stupore vicendevole nel trovarsi a pranzare assieme dopo aver definito gli sviluppi futuri (rilascio dei software di conversione da gauss-boaga a wgs84, diponibilità di strati informativi diversi, scambio di mashup, scambio banche dati…). Questo ha confermato quello che sosteniamo da sempre (Roberto da ancora prima): la Pubblica Amministrazione si cambia comprendendone le regole e immettendo le comunità di sviluppo per semplificare la burocrazia della prima e introdurre delle regole d’ingaggio più concrete nelle seconde. Questo diventa positivo quando le comunità di sviluppo sono molto tecniche, per cui si superano tutti i pregiudizi e “filosofie” e si entra nel merito delle questioni senza perdere tempo. Quindi, prima morale: amici Webmaster non temete ad incontrare le Pubbliche Amministrazioni esplicitando il vostro bagaglio tecnico! Esponete le vostre competenze cercando un linguaggio comune, ma senza svilire con banalizzazioni le tematiche per le quali avete bruciato vista, ore di sonno, e neuroni! Se di skill profile si parla, parlate senza paura di knowledge management, di interoperabilità di dataset e di tutto il necessario: la realtà è complessa! Serviamo noi che di complessità ce ne intendiamo. La seconda considerazione è che dall’alto delle nostre competenze escludiamo a priori delle fasce di persone e ne diamo per scontate altre. Un paio di giorni prima ho tenuto una lezione: 300 studenti – al terzo anno di architettura corso disegno automatico e informatica – , una domanda secca: “quanti sanno il significato della parola opensource?” due mani alzate, una sola risposta giusta! un mese prima incontro un gruppo di doppiatori comici e scopro che conosco le problematiche legate ai diritti e vogliono approfondire il discorso sugli opendata e portarlo avanti nell’ambito della parodia e del cinema. E pertanto, la seconda morale: … beh… non ve la dico! ve la faccio vedere, perché anche questo è il mondo dell’IWA!

Galleria fotografica

Verifica Associato

Usa il codice associato per verificare lo status

IWA

Associazione IWA Italy (International Web Association Italia)

Via Colombo, 1/e - 30126 Lido di Venezia (VE)

Tel: 041 8628684 | Fax: 041 8622131

email: amministrazione@iwa.it

PEC: iwa@pec.it

P. IVA: 03250160276

Informativa | Adempimenti L. 4/2013

Licenza Creative Commons